Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Pensioni

La pensione è una retribuzione che spetta al lavoratore che, giunto alla cosiddetta età pensionabile, cessa di lavorare. Per godere della pensione nella sua pienezza il lavoratore deve avere versato contributi per un certo numero di anni e deve aver raggiunto i limiti di età che vengono fissati dalla legge.

L’ammontare della pensione varia a seconda dei contributi versati nel corso della carriera lavorativa. Se il lavoratore giunge all’età pensionabile senza aver raggiunto il limite del contributo richiesto, egli ha diritto, a certe condizioni, ad avere un’integrazione che gli permetta di disporre comunque di un reddito minimo di sussistenza.

L’Italia applica i Regolamenti Comunitari che prevedono la possibilità di utilizzare i contributi versati in tutti i paesi dell’Unione Europea. Sono state inoltre stipulate apposite convenzioni bilaterali con alcuni paesi extracomunitari verso i quali più forte è stata l’emigrazione italiana. Con le convenzioni internazionali si tutelano i lavoratori che hanno svolto parte della loro attività all’estero consentendo di maturare il diritto alla pensione.

Nei paesi della Comunità Europa la domanda di pensione va presentata nel luogo di residenza presso l’istituzione competente in quello Stato. Sarà l’istituzione competente per territorio a segnalare la domanda presentata all’ente pensionistico estero interessato.

Per i paesi extracomunitari la domanda può essere presentata anche presso il paese in cui si è lavorato o presso i consolati.

Deve essere presentata utilizzando i moduli previsti in relazione al tipo di pensione richiesta.

Oltre ai documenti solitamente previsti alla domanda devono essere allegati:

  • l’autocertificazione, in sostituzione del certificato di residenza e cittadinanza;
  • il questionario previsto per il Paese estero e l’eventuale modulo di domanda, in caso di convenzione bilaterale, per la richiesta di prestazione a carico dello Stato estero;
  • tutta la documentazione eventualmente posseduta, relativa ai periodi di lavoro svolti negli Stati esteri convenzionati;
  • il modello concernente il diritto alle detrazioni d’imposta.